Meteo e Clima nelle Marche

Meteorologia e climatologia per il territorio delle Marche, a servizio dell'agricoltura

Regione Marche. Analisi clima settembre 2015

clock ottobre 6, 2015 17.24 by author Danilo Tognetti
Settembre 2015 è stato, per le Marche, il dodicesimo mese consecutivo più caldo della norma; inferiori alla media le precipitazioni [Prosegue]


L'estate 2015 nelle Marche

clock settembre 21, 2015 11.59 by author admin
L'estrema dominanza dell'anticiclone nord-africano ha reso il mese di luglio 2015 il più caldo per le Marche, almeno dal 1961 (anno di inizio della serie storica di temperature a nostra disposizione). Luglio, che è stato anche molto povero di precipitazioni, ha quindi profondamente condizionato l'intero andamento stagionale. [Prosegue]


Regione Marche. Analisi clima agosto 2015

clock settembre 2, 2015 13.33 by author Danilo Tognetti
Agosto 2015 è stato, per la nostra regione, l'undicesimo mese consecutivo più caldo della norma; esattamente nella media le precipitazioni. [Prosegue]


Regione Marche. Analisi clima luglio 2015

clock agosto 17, 2015 14.00 by author Danilo Tognetti
Quello del 2015 è stato di gran lunga il più caldo luglio per le Marche dal 1961; piuttosto scarse invece le precipitazioni dovute ad episodi occasionali dal carattere sparso. [Prosegue]


Regione Marche. Analisi clima giugno 2015

clock luglio 3, 2015 11.58 by author Danilo Tognetti
Come i primi cinque mesi dell'anno, anche giugno 2015 è stato più caldo rispetto alla norma; la precipitazione invece si è matenuta intorno alla media. [Prosegue]


Analisi dell'ondata di maltempo del 19-20 giugno 2015 nelle Marche

clock giugno 22, 2015 13.58 by author admin
Tra i giorni 19 e 20 giugno 2015, l'Italia intera è vissuta sotto la minaccia di una profonda depressione artica scesa fino alla Penisola Scandinava. Con l'alta pressione atlantica non sufficiente a garantire un'adeguata protezione anticiclonica, i flussi depressionari sono riusciti ad eludere la barriera alpina aggirandola sia da ovest, passando dalla Valle del Rodano, che da est, favorendo lo scontro di aria calda in risalita da sud-ovest e di fredda in ingresso dalla porta della bora, innesco per diffusi rovesci e temporali anche sulle Marche. [Prosegue]


La primavera 2015 nelle Marche

clock giugno 22, 2015 13.20 by author admin
La primavera 2015 è stata caratterizzata da una prevalenza anticiclonica sull'Europa, con i massimi di geopotenziale posizionati sulla parte centro-occidentale del continente, massimi di origine nord-africana che hanno portato ad una stagione particolarmente calda su Francia, Spagna e Italia. La nostra penisola inoltre, posta ai margini orientali dell'alta pressione, è stata sottoposta alla discesa di depressioni nordiche che, nei casi di ciclogenesi mediterranee, hanno dato luogo a prolungate e diffuse precipitazioni. [Prosegue]


Regione Marche. Analisi clima maggio 2015

clock giugno 4, 2015 12.41 by author Danilo Tognetti
La temperatura media regionale di maggio 2015 è stata di 18°C corrispondente ad una anomalia di +1,4°C rispetto alla media. Per il terzo anno consecutivo, il mese di maggio è stato più piovoso rispetto alla norma. [Prosegue]


Analisi dell'ondata di maltempo del 26 maggio 2015 nel maceratese

clock maggio 27, 2015 13.43 by author Danilo Tognetti
Dopo Erik, depressione causa di forte maltempo anche nelle Marche, flussi di aria fredda settentrionale hanno continuato ad interessare la nostra penisola provocando ancora violenti fenomeni dal carattere sparso. Tale sorte è toccata anche alla nostra regione, dove l'aria fredda ed instabile in ingresso dall'Adriatico, sollevando l'aria calda e molto umida presente sul territorio, ha dato origine a temporali in alcuni casi anche grandigeni. [Prosegue]


Analisi dell'ondata di maltempo del 22-24 maggio 2015 nelle Marche

clock maggio 26, 2015 15.56 by author admin
Giunta sull'Italia passando per la Valle del Rodano, la bassa pressione Erik ha provocato un netto peggioramento delle condizioni dopo giorni di stabilità anticiclonica. Il maltempo ha interessato anche le Marche, tra il 22 ed il 24 maggio, quando un vortice, generatosi sul Tirreno, è traslato poi verso l'Adriatico investendo in pieno la nostra regione; la presenza di un blocco anticiclonico sul comparto est-europeo ha rallentato il cammino verso oriente del nucleo depressionario e così le precipitazioni hanno tardato a dileguarsi. [Prosegue]